Bootstrap Framework 3.3.6

Over a dozen reusable components built to provide iconography, dropdowns, input groups, navigation, alerts, and much more...

Qui i giocatori di The Miracle lasciano imprese, poesie, narrare eventi e grandi avventure avvenute e in svolgimento su Ardania. Linguaggio strettamente ruolistico.

Moderators: ModeratoreTM, TmStaffMod

By Mimzy
#12109
Dopo aver ricevuto l’incarico da parte del Senato Imperiale di Amon di custodire e coltivare il dono della Madre Althea, il Grano degli Elisi, pianta sacra e molto cara al popolo della Guerriera, il Discepolo del Tempio Vergilius, devotissimo del culto alla Dea delle messi, prese una decisione: studiare tutte le piante e le erbe rare presenti su Ardania.

Si informò con alcuni nordici di passaggio ad Amon, su chi fosse il più esperto in materia di piante ed erbe nel Regno delle nevi, gli fu risposto:
«chiedete a Xerot, lui saprà aiutarvi».


Vergilius presa pergamena e calamaio si mise di buona lena a scrivere:

Image


L’indomani mattina giunse la risposta, solo che insieme alla pergamena giunse anche il nordico in carne ed ossa.

Image

Vergilius lo fece accomodare in casa sua e insieme parlarono per ore e ore e si scambiarono informazioni e curiosità sul magico e affascinante mondo dell’agricoltura e dell’erboristica. I due al salutarsi si dissero propensi ad iniziare un progetto che avrebbe portato alla stesura della più grande opera letteraria mai scritta sulle erbe e piante rare.



Continua…
By Mimzy
#13757
Gli studi di Vergilius continuavano, aveva già mandato diverse missive e parlato con altrettante personalità di Ardania per reperire informazioni circa quella che era ormai diventata una vera e propria ossessione, redarre una enciclopedia di tutte le piante e le erbe rare di Ardania.

Ormai da mesi i Consoli e l'intero Senato amoniano avevano concesso lui l'alto onore di piantare e studiare il dono di Althea, il Grano degli Elisi.

Dopo mesi e mesi di studi finalmente portò a termine il primo volume della vasta Enciclopedia che si apprestava a scrivere, uno studio approfondito proprio su quel grano, i cui semi lui custodiva.

Il libro finemente miniato e illustrato venne mostrato solo alla Console Victoria Ek e successivamente posto sotto chiave nella biblioteca proibita, non era un tomo a cui tutti potevano avere accesso per i segreti in esso contenuti...


Image


Era arrivato il momento di occuparsi del secondo volume, per farlo avrebbe dovuto recarsi all'Oasi di Tremec, in ogni sua azione era sempre guidato dalla Mater, lui non se ne rendeva conto e non riusciva a realizzare che in realtà questo suo proposito, altro non era che il proposito della Dea stessa.



Continua...
By Mimzy
#14356
Per compiere ciò che si era prefissato, Vergilius doveva chiedere la benedizione della Mater, di quella Dea che lo aveva instradato verso la sua missione e che lo aveva portato ad Amon come Discepolo del Tempio.

Pensò dunque, grazie anche al compito che aveva lui affidato la Somma Templare Victoria, di visitare tutti i luoghi di culto in cui sorgeva un'edicola alla Dea delle messi. Si preparò a dovere e partì al seguito del suo destriero "Trotto".

Lungo la strada il Legionario Cisarius si offrì di accompagnarlo, conoscendo lui molto bene quei posti, alcuni dei quali molto pericolosi.


La prima tappa fu al Tempio di Althea che si trova a Bosco Vecchio, il giovane sacerdote dovette spogliarsi solo per qualche tempo del suo manto cremisi, per evitare sguardi malevoli, quelle terre non appartenevano più all'Impero di Amon da qualche tempo, conquistate dalla nera gente di Loknar.

Il piccolo templio sorretto da un banchile di tronchi sulla battigia si stagliava una volta usciti dalla foresta, sembrava un piccolo rudere in pietra ma all'interno si respirava aria di famiglia.

Vergilius rimase stupito che ancora vi erano rappresentanti del clero che avessero deciso di abitare nonostante tutto quei luoghi. Dopo una breve preghiera potè ripartire verso Nosper.


Image


Giunti a Nosper in un edificio molto rustico, decorato con molti fiori e piante, costruito interamente di legno, il Discepolo potè pregare a lungo e parlare con i membri del clero, anche lì presenti e che sovente aiutavano il vicino templio di Bosco Vecchio per dare il cambio ai confratelli.


Image


Per ultimo, la sera del 31 Macinale dell'anno 284, in occasione del XVII anniversario della fondazione dei così chiamati Cavalieri dell'Alba, grandi amici da sempre del Regno di Amon, Vergilius si recò al Monastero per festeggiare insieme a loro, proprio in quell'occasione venne inaugurata una edicola in onore alla Dea Althea, dopo aver deposto un fiore e pregato intensamente, il Discepolo fu soddisfatto, la Dea ancora una volta gli aveva concesso la sua benevolenza, era sempre più convinto che la Dea stessa gli avesse dato questa missione e avrebbe fatto il possibile per portarla a compimento.


Image


Continua...
By Mimzy
#16606
Spinto sempre più dalla conoscenza verso le erbe e le piante rare, Vergilius si recò nell’Oasi di Tremec sperando di poter trovare qualcuno che potesse condividere con lui certe informazioni che gli stavano particolarmente a cuore.

Quella mattina forse la Dea Althea volle benedire i suoi intenti, ed ecco che ad accoglierlo vi era proprio la Gran Sacerdotessa Maebe della tenda Udeen, la quale al vederlo disse:
“Vergilius, cosa vi porta qui”?

Rispose il giovane studioso:
“Sono venuto in cerca di informazioni, e spero che possiate aiutarmi”

Gli occhi dei due si incrociarono e subito si intuì che le intenzioni del giovane studioso erano tese solo alla conoscenza e non vi era in lui alcun altro pretesto, se non quello puramente accademico.

“Mia Signora, sono venuto qui con la speranza che qualcuno possa aprirmi gli occhi su di un vostro bene prezioso, la Raya”

La donna dalla carnagione molto scura, sicuramente per via del sole che nell’Oasi era particolarmente pungente, lo guardò e gli disse:
“Venite con me” .
Image

Lo portò in una stanza dove, dopo le rassicurazione del caso, la donna si offrì di raccontargli tutto ciò che sapeva su quella pianta tanto rara. Vergilius prese appunti per circa un’ora mentre la donna parlava e parlava e al contempo pensava all’onore che gli veniva tributato, non tutti possono infatti conoscere i segreti di questo frutto speciale. Quando la donna ebbe finito, Vergilius non si limitò ad annuire ma fece anche lui diverse domande, avido com’era di sapere…

Quando ormai aveva esaurito quasi anche il secondo taccuino, e vedendo che ormai le informazioni erano più che sufficienti ringraziò con molta cortesia la Gran Sacerdotessa con la promessa che avrebbe fatto una copia per tutta l’Oasi del tomo che avrebbe scritto di lì a poco, e giurò di mantenere per il solo uso accademico le informazioni apprese e di non divulgarle ad altri.

Image


Ancora una volta la benedizione di Althea aveva guidato quel suo discepolo tanto amato, la conoscenza era il suo pane quotidiano come le preghiere che giornalmente elevava alla Madre delle Messi, con la certezza che questi studi erano la missione che Ella gli aveva affidato e che doveva portare a termine, lo sentiva e l’avrebbe fatto, ad ogni costo.

Image


Continua...
By Mimzy
#19745
Aveva trovato qualche riferimento scritto in un libro quando era ancora bibliotecario della Guerriera, e capitò che qualche tempo più tardi, durante una ricerca, altri gli parlassero dello stesso argomento, la leggenda del Cuore di Awen. Un fiore i cui petali avevano dei poteri straordinari. Vergilius non poteva farsi scappare quell'occasione di approfondire circa quell'argomento, e si mise alla ricerca di qualcuno che lo potesse aiutare o di qualche antico tomo che ne parlasse... L'aiuto venne inaspettato, proprio dal Gran Maestro dei Cavalieri dell'Alba, Hickaru, quest'ultima guidata dalla Dea Althea durante una conversazione al grande templio disse a Vergilius che Mantasse, il bibliotecario dell'Ordine si era occupato proprio della leggenda del Cuore.

Nessun dubbio dunque! La Dea voleva che quell'argomento venisse approfondito dal suo più devoto servitore.

Si diedero appuntamento un pomeriggio, Vergilius suonò la grossa campana della fortezza del Sacro Verbo e ad aspettarlo vi era proprio Mantasse, il cavaliere delle Rose.


Che il Sole Risplenda Vergilius, vi aspettavo! Prego, fatevi avanti!

Lo condusse in una grande biblioteca con più di mille tomi all'interno, era una delle più antiche di Ardania dopo quella elfica, non tanto per la sua costituzione, ma piuttosto poiché conteneva dei tomi derivanti da molti luoghi di Ardania, i popoli preferivano lasciarli lì per evitare di andare perduti a causa di guerre, gli uomini prima di partire per lunghi viaggi li affidavano alle cure dei Guardiani del Tempio proprio perché questi erano custodi del sapere e della tradizione.

Image

Mantasse parlò fino al crepuscolo, gli mostrò dei tomi e raccontò allo studioso tutto ciò che sapeva o delle ricerche che aveva compiuto su questo mito, che poi forse tanto mito non era...

Vergilius riempì 3 taccuini interi, le mani erano nere a causa dell'inchiostro usato, ma la soddisfazione era alle stelle, era riuscito anche in questo intento.


Image


Continua...
long long title how many chars? lets see 123 ok more? yes 60

We have created lots of YouTube videos just so you can achieve [...]

Another post test yes yes yes or no, maybe ni? :-/

The best flat phpBB theme around. Period. Fine craftmanship and [...]

Do you need a super MOD? Well here it is. chew on this

All you need is right here. Content tag, SEO, listing, Pizza and spaghetti [...]

Lasagna on me this time ok? I got plenty of cash

this should be fantastic. but what about links,images, bbcodes etc etc? [...]

Swap-in out addons, use only what you really need!