Bootstrap Framework 3.3.6

Over a dozen reusable components built to provide iconography, dropdowns, input groups, navigation, alerts, and much more...

Qui i giocatori di The Miracle lasciano imprese, poesie, narrare eventi e grandi avventure avvenute e in svolgimento su Ardania. Linguaggio strettamente ruolistico.

Moderators: ModeratoreTM, TmStaffMod

User avatar
By Leprechaun
#13270
Capitolo I - Il richiamo

Selvarya smontò da cavallo, legando le redini al recinto che circondava la piccola casa nei pressi di Seliand. Dal camino si levava come sempre del fumo. Era certa di trovare suo zio a lavorare in fucina piuttosto che ad oziare comodamente seduto.
“Come stai Aegil!?” esclamò spalancando la porta del piccolo laboratorio nel quale era collocata la forgia.
Al vecchio per poco non prese un accidente, spaventato da questa improvvisa irruzione. Era da qualche tempo ormai che sua nipote Selvarya aveva lasciato la bottega per recarsi ad Amon ed Aegil non era più abituato ad averla intorno, lei e la sua esuberanza!
“Hai forse intenzione di farmi morire di crepacuore?” tuonò il vecchio, guardando accigliato la giovane. Selvarya era avvezza ai modi burberi dello zio e non si scompose minimamente. “Morire tu? Figuriamoci, lo sai che gli Dei non ti vogliono, sei troppo scontroso!” disse la ragazzina. All’unisono esplosero entrambi in una fragorosa risata e Selvarya si gettò tra le braccia di Aegil. Per la prima volta dopo tanto tempo si sentiva nuovamente a casa…
Selvarya si fermò a cena lì quella sera, e davanti ad un piatto caldo di minestra ebbe modo di parlare apertamente con lo zio:
“Allora piccola mia, come procede la tua vita lontano da qui?”
“Bene” disse, mentre teneva lo sguardo fisso sul suo piatto e lentamente portava alla bocca una cucchiaiata di brodo.
“Selvarya, guardami. Mi sono preso cura di te da sempre e ti conosco. Se reagisci così di certo le cose non vanno bene come dici. Dov’è il tuo solito fuoco, la tua passione?”
“Non l’ho trovato Zio!” sbottò la giovane. “Non ho sentito il calore di Aengus tra le fredde mure e le fiamme della sua forgia mi lambivano a malapena, erano distanti. Com’è possibile?”
Aegil sospirò ed un triste sorriso velò il suo volto. “Sapevo che questo momento sarebbe arrivato, prima o poi… In fondo, a parte per gli occhi che sono quelli di tua madre, sei la sua copia esatta.”
“Che vuol dire Aegil?” chiese la giovane, guardando con aria interrogativa lo zio.
“Tuo padre, Selvarya. Sei tale ed uguale a lui, a Brom.”
Per la prima volta in molti anni Selvarya si rese conto che non sapeva praticamente nulla di suo padre. Da quando i suoi genitori erano morti servendo Amon e lei, praticamente neonata, era stata affidata a suo zio, era la seconda o terza volta che Aegil menzionava Brom. Forse perché suo zio era il fratello di sua madre, o per qualche motivo che Selvarya ignorava, Aegil non aveva mai parlato alla giovane di suo padre né lei si era mai preoccupata di chiedere.
“Tu hai preso il nome della famiglia che io e tua madre portiamo, Volken. E’ una delle poche cose che non hai ereditato da tuo padre. Brom era diverso da noi e tu sei molto più simile a lui di quanto mi piaccia ammettere.” continuò il vecchio. “Vedi, tuo padre abbandonò la sua casa, la sua terra e le sue tradizioni per amore di tua madre e si trasferì con lei ad Amon. Ma nel cuore di Brom, fino al momento della sua morte, ha sempre continuato ad ardere la fiamma di Aengus e nel suo sangue a ribollire il fuoco che contraddistingue la sua gente.”
Selvarya osservò ancora più perplessa lo zio. “Cosa intendi Aegil? Chi era mio padre?” chiese la giovane con insistenza.
Aegil si alzò, dirigendosi verso la cassettiera posta all’angolo della stanza. Aprendola ne estrasse un piccolo involto, che porse a sua nipote. Dal panno Selvarya tirò fuori un ciondolo ornato con i denti di un grande animale, probabilmente un orso. La giovane alzò lo sguardo, dirigendolo verso lo zio, che rispose alla giovane ancor prima che questa potesse porgergli la domanda:
“Tuo padre era un uomo del Nord, la cui famiglia era fedele ad uno dei Clan più importanti da quelle parti, i Valdar. Brom compì un enorme sacrificio per amore di tua madre ed il risultato di quella difficile scelta, beh, sei tu!” sorrise il vecchio. “Evidentemente il tuo attaccamento al Grande Fabbro comincia a risentire della lontananza dalla sua dimora. Credo che sia ora che tu diriga il tuo sguardo più a nord.”
“Quindi ho sangue nordico nelle mie vene… Mio padre… La dimora di Aengus…” Un turbinio di pensieri prese a vorticare nella mente di Selvarya, sconvolta da rivelazioni che non si sarebbe mai aspettata di ricevere. Quella notte, anche se molto stanca, Selvarya non riuscì a chiudere occhio.
Il mattino successivo Selvarya trovò suo zio già in piedi, intento a preparare una colazione frugale. Sul tavolo notò anche una pesante mantella di pelliccia. Osservò Aegil e, senza neanche bisogno di parlare, i due si compresero all’istante. La giovane, evitando di incrociare lo sguardo dello zio per non fargli notare gli occhi velati di lacrime, prese il mantello ed uscì di corsa dalla casa. Mentre già dirigeva il muso del suo cavallo verso nord, si voltò e con il suo solito ardore gridò all’indirizzo di Aegil, che la osservava sulla soglia della porta: “Ci vediamo presto, vecchio brontolone. Ti porterò un otre della migliore birra che tu abbia mai assaggiato!”
E così Selvarya si lasciò alle spalle quella che finora era stata la sua vita, diretta verso le fredde lande del Nord e la fiamma ardente del Dio Aengus. Il clangore metallico del suo martello che batte incessantemente sull’incudine la stava chiamando…


Image
User avatar
By Leprechaun
#13479
Capitolo II - Tra le nevi

“Siediti ragazzina! Hai una fame da lupi vero?” esclamò la locandiera con voce squillante.
Selvarya si avvicinò al bancone, mentre si sfregava le mani intirizzite dal freddo. La locanda “Al Porco Infreddolito” le parve un miraggio dopo la lunga cavalcata che l’aveva condotta sino ad Hulborg. Ordinò un piatto di zuppa calda e si guardò intorno mentre pescava avidamente dalla ciotola col cucchiaio. La locanda aveva pochi avventori ma tutti parecchio chiassosi e gioviali; sentiva il calore arrivarle sia dal fuoco che dalle persone.

Image

Sentendosi stranamente a suo agio azzardò una domanda rivolta alla locandiera:
“Puoi indicarmi la via per l’isola di Helcaraxe?”
La locandiera squadrò per un attimo la giovane prima di scoppiare in una fragorosa risata. Rimasta perplessa, solo in quel momento Selvarya osservò meglio la donna al di là del bancone: la superava in altezza di quasi un piede e, nonostante lavorasse in cucina, esibiva dei muscoli da far invidia ai migliori combattenti del Continente Umano. Fu allora che la donna, ripresasi dal riso, apostrofò Selvarya:
“E cosa cerca uno scricciolo come te ad Helcaraxe, a parte una morte prematura? Ora che ci penso, come sei arrivata qui viaggiando sola, ragazzina?”
In effetti il viaggio di Selvarya attraverso la Baronia era stato l’esperienza più provante della sua vita. Cavalcare tra le nevi, mentre dietro ogni albero o roccia si nascondeva un pericolo mortale, mise a dura prova la sua tempra; solo la volontà divina aveva fatto sì che giungesse incolume ad Hulborg.
“Beh, se sono giunta sin qui da sola forse non morirò prima di approdare ad Helcaraxe!” rispose infastidita Selvarya, con la solita sfacciataggine che la contraddistingueva e che per la prima volta sfoggiava da quando aveva lasciato il cosiddetto Sud.
La locandiera squadrò nuovamente la giovane, stavolta con sguardo accigliato. E nuovamente scoppiò in una risata ancor più roboante della precedente.
“Mi piaci ragazzina, perciò ti aiuterò. Ma attenta alla tua linguaccia, o finirà sotto la lama di qualche ascia nordica!”
Fu così che Selvarya, seguendo le indicazioni della locandiera, lasciò Hulborg e partì alla volta del piccolo molo dove era attraccata la nave per Helcaraxe, tra grotte, sentieri impervi e scoscesi dirupi. Mentre finalmente saliva a bordo dell’imbarcazione, le parve di udire in lontananza un suono ritmico e ripetuto, come di un martello che batte sul metallo rovente. Il suo sentiero, che aveva ora preso la via del mare, continuava ad essere illuminato dal fuoco della fucina di Aengus…


Image
User avatar
By Leprechaun
#13733
Capitolo III - L'arrivo

L’imbarcazione che l’aveva condotta sulle sponde di Helcaraxe era da poco approdata quando Selvarya iniziò a muovere i primi passi sul suolo di quell’isola: l’isola dove aveva vissuto suo padre e, soprattutto, la dimora del Dio Aengus. La giovane vibrava di eccitazione, o forse erano brividi di freddo, poco le importava; era finalmente giunta a destinazione.
La ragazzina si avviò verso il sentiero innevato e, poco dopo, si ritrovò all’interno di una grande città circondata da possenti mura, con strutture di legno e pietra sulle quali spiccava un’enorme costruzione: la Roccaforte dei Ghiacci. Mentre Selvarya avanzava, notò qualcosa di talmente alto da sovrastare le cime degli alberi e che pareva fissarla: era un Golem! Quale gioia provò nell’assistere in prima persona alla manifestazione del potere di Aengus, che lì sentiva permeare l’aria: quel vento gelido che, infuso della presenza del Dio, diventava un soffio caldo sulla sua pelle.
La giovane giunse in uno spiazzo dove, intorno ad un falò, sedevano diverse persone. Al suo arrivo, l’uomo più grande che lei avesse mai visto notò la sua presenza e si avvicinò per parlarle. Selvarya osservava dal basso l’uomo, che con la sua mole la sovrastava di quasi un braccio e continuava a fissarla. Fattasi coraggio, Selvarya iniziò a parlare:
“Salute! Io stavo cercando…”
Neanche il tempo di finire la frase che l’omone tuonò con la sua voce possente:
“Ti sei forse persa ragazzina?”
Selvarya, incredibile a dirsi, si ammutolì e non poté fare a meno di tenere lo sguardo fisso sul gigante che aveva di fronte, che per stazza e fierezza ricordava gli enormi orsi polari presenti sull’isola: i marchi che segnavano il suo corpo, il manico dell’enorme ascia che portava dietro la schiena e l’aura di potere che emanava senza neanche muoversi.
“Stai tranquillo Thorgad, non vedi che la stai terrorizzando?”
Una figura comparve da dietro l’uomo, una donna vestita di pelli di animale come era usanza da quelle parti e con i capelli rossi. La sua voce parve calmare un poco Selvarya, che si sentì stranamente rasserenata da quella presenza.
“Io sono Helena, tu come ti chiami?” disse la donna rivolta alla giovane, sorridendole pacatamente.
Selvarya sembrò recuperare un po’ del suo coraggio e riprese a parlare:
“Mi chiamo Selvarya e sono giunta qui per cercare una risposta”
Pronunciò la frase tutta d’un fiato, per paura di fermarsi nuovamente. L’omone, che nel frattempo era rimasto impassibile, si rivolse nuovamente alla giovane:
“Che genere di risposta?”
Selvarya raccontò quindi di Brom e delle sue origini, di come la famiglia di suo padre era fedele al Clan Valdar – e qui non le sfuggì un’espressione compiaciuta sul volto di Thorgad – e della ricerca che stava intraprendendo per trovare qualche testimonianza sulla vita di Brom prima che giungesse sul Continente. Thorgad la guardò per un attimo, prima di parlarle con voce calma ma autoritaria:
“D’accordo, Selvarya figlia di Brom. Se vuoi rimanere qui sei la benvenuta, finchè rispetti le nostre leggi. Ti auguro di trovare la tua risposta”
Dopodichè le fece un cenno e si voltò per andarsene ma, fatto qualche passo, si fermò e disse:
“Helena, fai fare alla ragazzina un giro qui in città. Non voglio che vada a mettere il naso dove non deve o si ficchi in qualche guaio”.
Mentre l’uomo si allontanava, Selvarya gridò con voce entusiasta:
“Grazie dell’accoglienza, prometto che farò la brava!”

Image

La donna che si era presentata poco prima pose quindi un braccio sulle spalle di Selvarya e la guidò quindi verso l’entrata de “Il Troll Ubriaco”, la locanda più grande di Ardania. Mentre avanzavano, la giovane sentì il bisogno di chiederle se ci fosse un tempio. Helena la squadrò e, sorridendo, le rispose:
“A tempo debito. Qui non abbiamo semplicemente un tempio, abbiamo IL tempio!” La accompagnò oltre la soglia della taverna ed esclamò: “Ora pensiamo a scaldarci un po’!”
Appena varcata la porta de “Il Troll Ubriaco”, Selvarya si sentì travolta dal chiassoso calore del Nord: le grida, le risate, corni di birra che si alzavano al cielo, lo scoppiettare del fuoco. In quel baccano ritrovò finalmente lo spirito ardente che l’incontro con Thorgad aveva momentaneamente eclissato.

Image

La ragazzina trascorse diverso tempo a conversare con Helena, che si dimostrò amorevole e comprensiva come la madre della quale non aveva più ricordi. Fu inaspettatamente piacevole trovare una persona tanto cordiale dopo la lunga traversata che l’aveva condotta ad Helcaraxe.
Dopo essersi rifocillate, le due si diressero finalmente verso la meta che tanto Selvarya aveva agognato: il tempio di Aengus. L’enorme struttura si trovava nel cuore delle montagne, il più vicino possibile alla dimora del Dio. Helena mostrò a Selvarya l’enorme statua dedicata al Fabbro degli Dei, lasciando la giovane assolutamente senza parole!
“Vieni, voglio farti vedere una cosa” disse la donna, cogliendo la ragazzina di sorpresa. Cos’altro poteva mostrarle di più eccezionale di quello?
Presero una porta laterale del tempio e salirono per una lunga scalinata. Giunte in cima, si ritrovarono al cospetto di una grande fucina. Il calore della forgia arrivò a Selvarya come una dolce carezza sul volto e la giovane cominciò a far danzare la sua mano sopra i tizzoni accesi, con un sorriso estatico sul volto. Helena, vedendola tanto rapita, continuò dicendo:
“Lo sai, si dice che Aengus stesso abbia lavorato in questa fucina”
In quel momento il cuore di Selvarya si colmò di una gioia tanto profonda da non riuscire ad essere contenuta, ed una lacrima rigò il suo viso.
Sono a casa” sussurrò tra sé e sé, ed un sorriso si allargò sul suo volto.


Image
User avatar
By Leprechaun
#14160
Capitolo IV - Vita tra i ghiacci

Alcuni estratti dal diario di Selvarya ad Helcaraxe:

“[…] Ieri Thorgad mi ha invitato ad assistere ad un addestramento di Vikingr e Toskr, ovvero i guerrieri che difendono i territori del Nord. Vederli cavalcare sulla neve e caricare gli uni verso gli altri, vibrare fendenti e schivare frecce in un turbinio di lame e nel clangore di metallo su metallo è stato straordinario! La loro fierezza è pari solo alla loro furia. Non vorrei mai trovarmi di fronte alla valanga nordica, quando questa è pronta a travolgere tutto quello che incontra! […]”

Image

“[…] Oggi mi sono accorta che era da un bel po’ che non trascorrevo del tempo alla forgia. Se lo sapesse Zio Aegil! Così mi sono recata da Dallin, il fabbro che ha una piccola armeria qui ad Helcaraxe, e gli ho chiesto se avesse bisogno di aiuto. Dapprima mi è sembrato diffidente, figuriamoci se aveva voglia di affidare qualche lavoretto ad una ragazzina e per di più Suver! Ma quando gli ho mostrato che non ero una sprovveduta, ha acconsentito a farmi affilare qualche ascia ed a riparare qualche cotta di maglia: beh meglio di niente! […]”

Image

“[…] Resto ancora stupita dall’euforia che pervade le genti del Nord non appena varcano la soglia di una locanda. Qui a “Il Troll Ubriaco” c’è sempre una gran confusione e la birra scorre a fiumi. L’altra sera ci siamo seduti davanti al grande falò ed ho assaggiato nuovamente la birra che producono qui: diamine, non credo di essermi ancora abituata! Dopo solo un paio di sorsi sono finita gambe all’aria, cadendo dalla panca. Che figura da Suver… […]”


Image
long long title how many chars? lets see 123 ok more? yes 60

We have created lots of YouTube videos just so you can achieve [...]

Another post test yes yes yes or no, maybe ni? :-/

The best flat phpBB theme around. Period. Fine craftmanship and [...]

Do you need a super MOD? Well here it is. chew on this

All you need is right here. Content tag, SEO, listing, Pizza and spaghetti [...]

Lasagna on me this time ok? I got plenty of cash

this should be fantastic. but what about links,images, bbcodes etc etc? [...]

Swap-in out addons, use only what you really need!